La nostra Visione – Il progetto Paraguay Paraiso Verde

Stiamo costruendo una colonia privata in Paraguay con un’infrastruttura urbana, di villaggio e rurale. Laghi, canali e paesaggi acquatici, nonché aree di coltivazione e pascolo sono stati parzialmente sviluppati e saranno ampliati in futuro. La foresta primordiale esistente è in fase di espansione attraverso il rimboschimento.

El Paraiso Verde Paraguay offre spazi abitativi e ricreativi per i suoi residenti e ospiti. Oltre 1.600 appezzamenti privati di proprietà dei residenti sono in fase di creazione attraverso il processo di suddivisione in corso. Qui si sta costruendo il più grande condominio (gated community) del Sud America. Sul nostro sito attuale sorgerà una comunità di pace internazionale con uno spazio vitale per circa 20.000 persone.

Stiamo creando un sistema educativo alternativo completo, dall’asilo agli esami di maturità, per promuovere lo sviluppo dei talenti dei nostri figli.

Abbiamo in programma di istituire la “Schauberger-Tesla-Reich University El Paraiso Verde”, con corsi di laurea in fisica alternativa, energia alternativa, medicina alternativa, agricoltura alternativa, nonché un’università per la musica e le arti dello spettacolo.

El Paraiso Verde Paraguay è fondamentalmente un’area di insediamento autosufficiente ed ecologicamente gestita, che – se necessario – può anche essere autosufficiente al 100%.

La nostra Visione

[cmtoc_table_of_contents]

I. Colonia privata (in fondazione) El Paraiso Verde Paraguay

La fondazione della colonia privata indipendente El Paraiso Verde come luogo in cui sia possibile la libertà di espressione e la libertà della scienza e della medicina.

II. Comunità internazionale di pace

La creazione di una comunità internazionale basata sulla buona volontà, il rispetto e la solidarietà reciproca. El Paraiso Verde è aperto a persone di ogni nazionalità, religione e credo. Sono esclusi i membri di religioni e visioni del mondo che rivendicano la supremazia e la salvezza esclusiva su altre religioni e visioni del mondo.

Ciascuno dei gruppi etnici rappresentati a El Paraiso Verde Paraguay può coltivare le proprie tradizioni e i propri valori. Ogni abitante può praticare la sua filosofia di vita o la sua religione senza ostacoli, nel quadro delle leggi del Paese e della comunità. L’obiettivo è creare un modello di coesistenza pacifica e di scambio costruttivo tra culture diverse.

El Paraiso Verde è una comunità non religiosa. L’obiettivo dei suoi residenti è dimostrare la coesistenza pacifica in una comunità internazionale di culture e visioni del mondo diverse. Il minimo comune denominatore non è una religione o una visione del mondo, ma esclusivamente la buona volontà reciproca, il rispetto e la comunicazione diretta tra tutti i residenti, nonché il trattamento rispettoso della natura e di tutti gli esseri viventi.

El Paraiso Verde è una comunità in cui a ognuno è permesso di entrare nel proprio potere divino o interiore, pieno di luce e individuale. Ognuno può coltivare, sviluppare e vivere la propria interiorità, sempre a beneficio dell’individuo e dell’insieme.

El Paraiso Verde Erwin Annau

Vogliamo vivere insieme secondo i principi dell’etica e della ragione universale.

III. Comunità autosufficiente

El Paraiso Verde è una comunità autosufficiente in cui ogni membro contribuisce all’autosufficienza al meglio delle proprie capacità.

IV Scuola

Stiamo progettando di istituire una scuola elementare e un collegio sulla base dei metodi di insegnamento antroposofici esistenti. I diplomati del collegio dovrebbero diventare pensatori indipendenti e critici.

I bambini dovrebbero essere in grado di formarsi un’opinione propria. Dovrebbero imparare a ricercare argomenti per arrivare a conclusioni logiche. Gli alunni devono imparare a definire, organizzare e realizzare progetti in modo indipendente.

Dovrebbero essere in grado di prendersi cura della propria salute e del funzionamento ottimale del proprio corpo in modo autonomo e imparare a mantenersi in salute. Piantare alberi e cibo, avere a che fare con gli animali e parlare tedesco, inglese e spagnolo come lingue obbligatorie e il guaranì come lingua aggiuntiva dovrebbero far parte del curriculum.

I laureati dovrebbero padroneggiare l’uso dei media elettronici senza diventarne dipendenti.

V. Università Schauberger-Tesla-Reich El Paraiso Verde

Fonderemo un’università il cui nome definirà la direzione delle nostre ricerche.

L’Università Schauberger-Tesla-Reich sarà gestita secondo i principi di indipendenza perpetua della scienza, della ricerca e dell’insegnamento.

Facoltà:

Facoltà di Scienze Naturali
Facoltà di Scienze Agrarie
Facoltà di Medicina
Facoltà di Giurisprudenza
Facoltà di Lettere e Filosofia
Facoltà di Musica e Arti dello Spettacolo
Ulteriori informazioni: Università

VI. Ambiente

Poiché El Paraiso Verde Paraguay è una comunità autonoma, la protezione, la cura, la conservazione e il ripristino dell’ambiente sono una priorità assoluta.

VII. Autosufficienza finanziaria

El Paraiso Verde è costruito e gestito senza capitali esterni e senza prestiti.

VIII. Centro sanitario RELJUV® El Paraiso Verde

Stiamo costruendo un centro per la salute e il ringiovanimento sostenibile. Il centro sarà aperto a tutti i metodi di cura naturali. I medici, gli operatori alternativi e i guaritori naturali (compresi i guaritori spirituali) dovrebbero sviluppare e praticare i migliori metodi di guarigione possibili PER le persone su un piano di parità, a beneficio dei pazienti, indipendentemente dagli interessi finanziari o dalla ricerca del profitto.

Il trasferimento di conoscenze complete per il mantenimento di tutte le funzioni corporee fino alla vecchiaia è un tema centrale del nostro centro di salute.

IX. Centro industriale per le energie alternative e le tecnologie ambientali

Stiamo progettando la costruzione di un centro commerciale in cui le tecnologie alternative nel campo della produzione di energia e della tecnologia ambientale saranno portate a maturazione in serie, prodotte e commercializzate a livello internazionale insieme all’Università Schauberger-Tesla -Reich (STR-Uni Paraiso Verde).

Noi, coloni della colonia privata El Paraíso Verde, vogliamo che la nostra comunità sia un esempio di convivenza nella “nuova era”.

I principi della vita a El Paraiso Verde sono importanti

Incontro al livello del cuore.

Siamo una comunità fondata sulla premessa della PRETESA benevolenza reciproca.

Partiamo dal presupposto che ogni membro di questa comunità ha in mente il benessere degli altri in tutte le sue dichiarazioni e azioni.

Lui o lei “fa bene a noi” e noi “facciamo bene a loro”.

Sulla base di questa premessa, esaminiamo tutte le azioni e le dichiarazioni che sembrano mettere in discussione questa ferrea e suprema legge fondamentale della nostra comunità e chiariamo i malintesi prima di condividere UR con altri. La nostra stessa condivisione di UR è l’inizio del “divide et impera”.

Il “divide et impera” non funziona solo con le nazioni, ma anche tra ciascuno di noi, grazie a migliaia di anni di indottrinamento.

Con la nostra legge fondamentale di presunta benevolenza reciproca, facciamo una chiara distinzione dal comportamento che ci è stato impiantato per generazioni, probabilmente per eoni.

Quando non si comprendono le azioni e gli atti dell’altro, la maggior parte delle persone sospetta immediatamente e reattivamente la presenza di cabale, intrighi o intenti malvagi. La maggior parte delle persone lo presume senza fare domande e agisce di conseguenza. Il risultato è la nostra società malata di morte. Relazioni spezzate, famiglie distrutte, comunità profondamente fratturate, tutti contro tutti…..

Questo è l’inferno. È dentro di noi. Lo portiamo con noi, non importa dove emigriamo. Ci raggiunge quando la “sensazione di vacanza” delle prime 6 settimane nel luogo di emigrazione è finita. Questo inferno dentro di noi ci spinge allora ad abbandonare un luogo (nella maggior parte dei casi la Germania) e – nella speranza che altrove sia “diverso” – ci spinge in un altro luogo dove inizialmente ci godiamo il breve slancio del “nuovo inizio”, finché il nostro stesso ego non ci raggiunge.

La pesante valigia di questa convinzione interiore viene “consegnata” al nostro luogo di emigrazione. Dopo 4 mesi al massimo, gli emigranti vengono raggiunti dalla REALTA’.

Questa REALTA’, che non è MAI la stessa dell’idea che avevano prima di emigrare, unita all’ego, alla sfiducia e al pensiero negativo che ne consegue, spinge molti emigranti verso il luogo successivo.

Lì hanno di nuovo quella “sensazione di vacanza”. Altre persone con facciate sociali, di cui ci si rende conto solo in un secondo momento cosa c’è realmente dietro.

Ma l’affidabile vettore della propria coscienza consegna la valigia con il suo sinistro contenuto al sicuro…

Uscire dalla prigione

Se volete sperimentare questo tipo di libertà, dovete liberarvi dalla prigione che vi portate dietro ovunque. Il cambiamento di luogo modifica il comportamento solo temporaneamente. L’invidia, l’odio, il risentimento, il pensiero negativo, il sospetto e l’ego devono essere scacciati al più tardi quando si sorvola l’Atlantico da un’altezza di 10.000 metri, in modo che possano schiantarsi sulla superficie dura dell’Atlantico e affondare a migliaia di metri di profondità.

Solo la ferma decisione – unita a un’instancabile “igiene mentale” – di “emigrare” interiormente e di LASCIARE FINALMENTE i vecchi schemi, i pregiudizi e i comportamenti, i riflessi, il disconoscimento e la condanna delle azioni e delle intenzioni degli altri, porta a un’EMIGRAZIONE verso la libertà.

Questo è l’unico posto in cui potete realizzare il vostro pieno potenziale.

Non troverete questa libertà in un altro Paese, né in Paraguay, né a El Paraiso Verde, né in nessun altro luogo dove siete guidati dalla frustrazione dei vostri stessi pensieri.

Questa libertà è solo DENTRO di voi. E sarete voi a decidere se e quando lasciare questa prigione.

El Paraiso Verde ha una missione:

Creare un ambiente in cui ognuno possa concentrarsi su ciò che è essenziale nella propria vita.

Nessuno è obbligato a farlo, ma tutti a El Paraíso Verde hanno l’opportunità di…

  • di lavorare su se stessi
  • uscire dalla prigione dell’eterna divisione e
  • incontrare di nuovo l’altro a livello del cuore con BENEVOLENZA.

Per questo motivo, El Paraíso Verde NON è religioso. Ognuno deve lavorare sulla PROPRIA VITA, non sulle dottrine di un guru. Ognuno può essere il creatore delle proprie convinzioni.

El Paraiso Verde Paraguay non ha preferenze filosofiche. Non diamo direttive e stronchiamo sul nascere qualsiasi tentativo di usurpazione filosofico-religiosa da parte di pseudo-profeti. Coloro che credono di essere migliori degli altri dovrebbero andare altrove.

Solo così persone con le più diverse attitudini potranno discutere tra loro e “sfregarsi le spalle” in modo pacifico e affettuoso, per affinare le proprie personalità in vista della nuova era.

A El Paraiso Verde abbiamo spesso opinioni diverse, spesso MOLTO diverse.

I terrestri piatti discutono con i terrestri cavi e poi ancora con i terrestri sferici. I cristiani parlano con i cristiani liberi, i buddisti e gli esoteristi. L’intero spettro della filosofia si illumina nelle nostre discussioni all’asado (barbecue – anche con verdure alla griglia…).

Alcuni parlano di una vita, altri di molte vite, di UFO sì o no, della storia dell’umanità o delle storie delle potenze vincitrici, …..

Cerchiamo almeno di capire l'”altra verità” degli altri. Ma anche se NON la capiamo o se non siamo d’accordo (viviamo una verità diversa), rispettiamo la verità del nostro prossimo.

Questa cultura della discussione è particolarmente importante nella scienza:

La scienza VIVE sul DISSENSO!

Se – come in tutto il mondo occidentale – le altre opinioni vengono brutalmente emarginate e soppresse (medicina, farmacia, fisica, storia), questa è la FINE della scienza.

Come scienziato, si può, si deve e si DEVE sempre mettere sotto esame senza pietà tutti i dogmi – soprattutto quelli che si sono stabiliti da soli – altrimenti la ricerca è morta. Il ricercatore che, alla fine della sua vita, ha il coraggio di dire:

“Mi rendo conto che anche le mie dottrine e le mie ricerche erano solo l’ultimo stato di errore” è davvero un GRANDE spirito libero e uno scienziato eccezionale.

Bisogna essere in grado di mettere in discussione tutti i teoremi delle scienze naturali, secondo il principio di Schauberger: “Se si invertono al 100% tutti i teoremi della fisica di Isaac Newton, si arriverà abbastanza vicini alla verità”.

Solo così potremo trovare nuove forme di generazione di energia e di locomozione. O come dice Viktor Schauberger: “Vi state muovendo nel modo sbagliato”.

Secondo Schauberger, il movimento è implosione, non esplosione.

Chi può dire se veniamo TIRATI dalla terra o se il campo vettoriale disordinato dell’etere (di cui Einstein ha negato l’esistenza per tutta la vita, ma che ha ammesso sul letto di morte), che è schermato da un lato dalla terra, ci sta spingendo verso la terra?

Essere buoni gli uni con gli altri

Essere buoni gli uni con gli altri è la base della nostra convivenza. Solo questo atteggiamento rende possibile questa “supernova” filosofica e scientifica.

“Essere buoni l’uno con l’altro” è il prerequisito incondizionato che ogni azione dell’altro sia ben intenzionata. Solo così abbiamo la possibilità di creare una VERA comunità.

Ogni movimento sociale di persone ha convissuto almeno per un breve periodo con questo atteggiamento: i primi cristiani, prima ancora i buddisti, le piccole comunità religiose, i movimenti di base come Ubuntu, ma anche i movimenti rivoluzionari come gli studenti entusiasti della Rivoluzione francese, gli insorti di Vienna nel 1848 e i comunisti convinti.

Per un certo periodo, tutti hanno vissuto nella convinzione di essere “uno” e che il proprio “fratello”, “sorella” o “compagno” gli avrebbe dimostrato benevolenza e fiducia.

Purtroppo, questi movimenti sono sempre stati sopraffatti dal “fungo della divisione”. Represso nell’entusiasmo del momento, il fungo della spaccatura della sfiducia interiore, il sospetto instillato per eoni, ha raggiunto queste comunità e i grandi movimenti sono andati e venuti come tracce di pneumatici nella sabbia.

Per porre fine a questa transitorietà della gioia e della pace interiore, abbiamo creato El Paraiso Verde, una colonia privata (in formazione).

La nostra missione per il progetto El Paraiso Verde è di

Stabilire un ambiente sicuro per i nostri concittadini che vogliono vivere secondo questa premessa di base.
Intercettare le distrazioni (autorità, governi, politica, media, altri regolamenti) che si trovano ovunque sul pianeta terra per la comunità e regolamentarle secondo la legge per tutti, in modo che il coinquilino non debba più partecipare a questo esuberante spreco di energia vitale in molti paesi di oggi.
Dare al coinquilino un luogo in cui possa creare il proprio paradiso, con un MINIMO di limiti e regole (pensate esclusivamente per non limitare la libertà del coinquilino).

Creare una convivenza, un'”atmosfera”, in realtà un campo morfogenetico, in cui si permetta “tutto ciò che è o potrebbe essere possibile” e che non danneggi gli altri – anche se NON è in accordo con le nostre convinzioni o la nostra visione della vita.
Creare una comunità in cui tutti si trattino con RISPETTO e non svalutino, sminuiscano o ridicolizzino le opinioni, i punti di vista e le credenze degli altri, ma li rispettino come “l’universo degli altri”, che è altrettanto valido del nostro “universo”.

Creare una coscienza collettiva in cui NON abbiamo il diritto di VALORIZZARE o SVALUTARE l'”universo dell’altro”. Ci dobbiamo questo rispetto.

“Il vero è – ciò che”

Vivere la propria verità in libertà

A El Paraiso Verde, ognuno può vivere la SUA verità, ma ha anche il dovere di permettere agli altri di vivere nella LORO verità.

Il campo morfogenetico che si crea in questo modo permette nuovi punti di vista a tutti i livelli della scienza, della ricerca e della filosofia. Ed è così che dovrebbe essere.
Creare le condizioni quadro in cui tutti abbiano la possibilità di realizzare la propria ricerca individuale della felicità.

Non esiste un’unica strada per la felicità. La felicità è il percorso. La felicità è dentro di noi, non nelle cose. Non soffermarsi sul passato, non sognare il futuro. (Buddha)

A El Paraiso Verde non sogniamo il futuro, lo creiamo ogni giorno.

Qual è la differenza tra VISIONE, ILLUSIONE e SOGNO?

Una visione è una realtà auto-postulata (non ancora esistente) che viene trasformata attraverso il pensiero coerente, l’azione e la VITA attiva in una realtà che può essere vista, sentita e vissuta da tutti gli altri esseri umani.

Un’illusione è una VISIONE creata con il pensiero, ma che fallisce per mancanza di coerenza, disciplina e, soprattutto, di fiducia in se stessi e nel proprio potere creativo, e quindi rimane un’illusione.

Questo fallimento viene poi interpretato come una “delusione” per fornire all’illusionista un “salvagente” per giustificare il suo fallimento.

La colpa viene poi data agli “altri”. Il luogo dell’insuccesso viene cambiato, ma la mancanza di creatività e di coerenza viene eliminata. Chi racconta agli altri la propria “immensa delusione” spiega a sua volta la propria “immensa incapacità” di realizzare la propria visione.

Con il SOGNO è ancora peggio:

Una vera VISIONE è l’ultimo pensiero prima di andare a dormire e il primo dopo il risveglio.

Un’ILLUSIONE è un costrutto di pensiero temporaneo che cade come un albero debole alla prima folata di vento della vita e marcisce nell’autogiustificazione e nella colpevolizzazione degli altri.

Un sogno è un pensiero NON reale e incontrollabile durante il sonno, che lascia il posto alla realtà al mattino e di solito viene dimenticato non appena ci si sveglia.

Quanto è astruso quando alcuni “ex” residenti di Paraiso Verde ci accusano di aver “distrutto il loro sogno”?

Ogni sogno viene distrutto dopo il risveglio, perché era solo un sogno. Un “pensare intorno” incontrollato, senza intenzione, senza volontà, senza struttura e coerenza.

El Paraiso Verde è il luogo in cui svegliarsi alla realtà – risvegliarsi

I primi 3 anni – gli anni del pionierismo – sono stati brutalmente duri. Pieni di pericoli, ostacoli e sfide. Non è un ambiente per sognatori e illusionisti.

Questo può cambiare e cambierà nei prossimi anni. Siamo già lontani anni luce dalla durezza e dalla brutalità dei primi due anni. E le cose migliorano di mese in mese.

Nel prossimo futuro, i sognatori e gli illusionisti che sono almeno buoni con gli altri a livello di cuore e che vivono i principi della nostra comunità (buona volontà, rispetto, comunicazione aperta) potranno trovare casa da noi.

Non stupitevi quindi se alcuni non ce la faranno tra l’agosto 2016 e la fine del 2019. Coloro che in questo periodo non si sono presentati con una VISIONE, ma solo con un’illusione o un sogno nel cellophane di una visione predeterminata, erano destinati a fallire.

La reciproca e presupposta BENEVOLENZA dell’altro e l’accettazione di altre “verità” è la base della nostra comunità – El Paraiso Verde.

Siamo una comunità in cui discutiamo apertamente dei problemi e non li evitiamo, ma li risolviamo insieme come sfide.

Questo ci ha reso il più grande progetto di insediamento del Sud America.

Come potrebbe apparire un giorno El Paraiso Verde del futuro…

Das El Paraiso Verde der Zukunft


Vedi anche:
Contattateci
Web: Reljuv S.A.